Perché per alcuni componenti è necessario l’allungamento dei cavi delle sonde Lambda?

Per alcune vetture il montaggio di collettori di scarico Supersprint, di tubi turbina, di catalizzatori metallici o di tubi in sostituzione ai catalizzatori di serie comporta lo spostamento delle sedi delle sonde lambda più a valle lungo la linea di scarico (ovvero verso il posteriore dell’auto).

Per migliorare le performance dell’impianto di scarico senza scendere a compromessi i componenti Supersprint sono infatti spesso progettati con sostanziali differenze da quelli di serie.

Nel caso dei collettori spesso quelli di serie sono troppo corti, hanno un andamento troppo contorto oppure hanno un catalizzatore troppo vicino al motore. Per ottimizzare la resa termica è necessario utilizzare dei tubi primari più lunghi e con andamento diverso, con conseguente spostamento del catalizzatore e delle sonde lambda.

Nel caso dei tubi turbina, il catalizzatore originale è posizionato nel vano motore a ridosso del turbocompressore per ragioni di emissioni inquinanti a motore freddo. Spostando il catalizzatore sotto il corpo vettura si ha un miglioramento del rendimento del turbo e un abbassamento di temperatura dello stesso e dell’intero vano motore, con conseguente aumento di prestazioni e di affidabilità.

Per poter collegare le sonde nelle sedi corrette sull'impianto Supersprint in questi casi è necessario estendere i cavi.

Un esempio di  impianto che richiede questa modifica, in questo caso su ben 4 cavi (Lotus Evora 3.5 V6):
Perché per alcuni componenti è necessario l’allungamento dei cavi delle sonde Lambda?

Impianti correlati

Condividi su:
Sigla.com - Internet Partner